sabato 31 maggio 2014

Occorre una autorizzazione per aprire un poligono di tiro?


Per aprire un poligono di tiro non occorrono autorizzazioni.

lo ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza n. 3855 del 2001.
La Corte ha confermato la decisione del GIP di Latina del 12.2.2000.
Ovviamente questo non significa che si possa aprire un poligono in qualsiasi posto e che non ci sia alcun tipo di obbligo.
Chiunque spara in luogo pubblico deve essere in regola con la normativa sulle armi. Potrà quindi sparare solo chi abbia un regolare porto d'armi.
Nello stesso tempo, quando il luogo sia privato, come il giardino di una casa, potrà spararvi il proprietario.

Il luogo dovrà poi essere tale (come la classica cava) e bisognerà sparare in modo tale da non creare pericoli per il pubblico.

Se chi gestisce il poligono è un privato o una associazione senza scopo di lucro non esiste necessità di autorizzazione. Se fosse una attività commerciale si applicherebbe invece la rispettiva normativa.
E' anche evidente che si sarà praticamente soggetti a proteste dei vicini ed a continue ispezioni di Carabinieri e Polizia. Può quindi essere consigliabile trovare un modus vivendi magari adempiendo a prescrizioni che non sarebbero strettamente necessarie dal punto di vista giuridico ma che non creano eccessivi problemi.

10 commenti:

  1. grazie avvocato x il suo blog, molto utile.
    Condivido in toto la sua posizione e pensiero sull'argomento, poi la parola di un esperto in materia è sempre ben accetta e utilissima.
    grazie ancora
    Ambrogio Sorice

    RispondiElimina
  2. buongiorno avv. Chialastri
    ho letto con interesse l'articolo sul suo blog riguardo la possibilità di poter aprire un poligono di tiro privato e condivido totalmente la sua posizione e pensiero sull'argomento da lei trattato. Le chiedo cortesemente, visto che per me non è semplice districarmi tra articoli e norme di legge, un sunto semplice ed esaustivo specificatamente su cosa occorre fare e che autorizzazioni o benestare servono per aprire un poligono privato. Vorrei appunto aprire un poligono privato di tiro in una mia proprietà su terreno agricolo sito nell'Appennino Tosco/Emiliano in provincia di Modena a circa 900 mt di altezza, questo terreno presenta già naturalmente delle paratie di sicurezza naturali

    ( innalzamento del terreno ) e nessuna strada sulla presunta linea di tiro, in più, unica abitazione nei dintorni è solo la mia che comunque viene abitata solo in qualche periodo durante l' anno. Non ho nessuna intenzione di fare opere murarie fisse, ma solo strutture leggere in legno eventualmente movibili.

    Oltre ai passaggi specifici chiesti sopra, gli chiedo se in questo caso è obbligatorio o facoltativo fondare un Associazione sportiva per poter praticare il tiro con armi da fuoco e quali sono le responsabilità del proprietario del poligono in questione.

    Sono provvisto di porto d'armi per uso sportivo.


    Ovviamente tutti i suoi suggerimenti e consigli saranno bel accetti e graditi.

    la ringrazio per la competenza e il tempo che vorrà dedicarmi.
    Ambrogio Sorice

    Milano 22/08/17

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preg.mo sig. Sorice, la ringrazio per aver scritto e per quanto ha scritto. Mi scusi per non aver scritto subito: ero lontano dal computer.
      In linea generale le dico che se intende sparare da solo non è necessario costituire una associazione.
      Se è infatti da solo in generale basterà che siano osservate tutte le norme di sicurezza e che il poligono faccia in realtà parte della sua abitazione o immediate pertinenze.
      Consideri però che i problemi sono in agguato e quindi le converrebbe consultarsi con la stazione dei carabinieri e con il Comune. Il problema è che è anche possibile che per non prendersi responsabilità le proibiscano e basta o le indichino soluzioni estremamente complicate.
      Il problema della sicurezza è comunque serio e la invito a prestare massima attenzione. Anni fa una pallottola cal 22 fece un viaggio stranissimo e tutt'altro che rettilineo, arrivando a colpire alla tempia (ed uccidere) una donna che stava ben fuori dalla linea di tiro.
      Scarichi comunque in questo sito (http://www.leggearmi.it/p/download.html) una importantissima sentenza.
      Se vuole che mi occupi professionalmente io di tutta la vicenda mi contatti alla mia mail umberto@avvocatochialastri.it .
      Buona serata.

      Elimina
  3. Gentilissimo avv. Chialastri, grazie per la sua risposta celere e chiara sul quesito da me sottopostogli "apertura poligoni privati ".
    Purtroppo il sito da Lei vivamente consigliato per scaricare, leggere e conservare l'importante sentenza della Corte di Cassazione penale 3855/2000 non si riesce ad aprire.
    Puo darmi un'altro aiuto per poter avere tale sentenza visto che in internet non è stata pubblicata??
    grazie 1000 x la sua competenza e disponibilità e mi scusi del disturbo.
    Ambrogio Sorice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preg.mo sig. Sorice, mi invii la sua mail qui o sciva alla mia umberto@avvocatochialastri.it . Le invierò la sentenza. Ci deve essere un problema informatico ma faccio prima ad inviargliela.

      Elimina
  4. Avvocato lei è una persona squisita, disponibile e concreta, qualità difficilmente riscontrabili in una sola volta.
    grazie ancora
    Ambrogio Sorice

    RispondiElimina
  5. il mio indirizzo e-mail gli e l'ho inviato al suo indirizzo e-mail

    RispondiElimina
  6. Le ho già risposto alla mail. Ripeto comunque il link anche qui http://www.avvocatochialastri.net/sentenzapoligoni.pdf . La ringrazio ancora per i complimenti: ha evidenziato proprio le qualità che considero fondamentali. Buona serata.

    RispondiElimina
  7. gentilissimo avvocato un ultima domanda se mi consente, che mi è venuta nel leggere le sue risposte e ripensando a tutto quanto: se nella mia proprietà dove vorrei aprire il poligono privato, principalmente ci sparerei io ma occasionalmente anche e solo qualche amico fidato, la A.S.D. associazione sportiva dilettantistica,mi consiglia di formarla e registrarla, o è obbligatorio in questo caso fare ciò?
    mille grazie ancora
    Ambrogio Sorice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le consiglio di farla sicuramente e registrarla. Nell'atto faccia anche riferimento al suo poligono privato, considerandolo come poligono dell'associazione (e salvo garanzia dei suoi diritti da vedere a parte).
      Chi spara in una proprietà altrui può essere considerato in modo diverso da chi spara nella sua proprietà. C'è anche il rischio (per il non proprietario) che si possa configurare il porto d'armi abusivo. Quindi meglio l'associazione. Buona serata.

      Elimina